La lezione del Giuntatore Viridiano…

…è che non esistono grandi carte o piccole carte, ma solo grandi giocatori o piccoli giocatori. In aggiunta, insegna che non si dovrebbe sottovalutare nessuno.

Andiamo con ordine.

Da qualche giorno ho tolto dalla formalina il mio caro, vecchio mazzo di carte Magic. Non ci giocavo da tempo, 6 anni a occhio e croce. Mio cugino s’è presentato con i suoi set stracurati, pieni zeppi di magie, contromagie, combo, effetti a raffica, etc… Io, col mio modesto mazzetto, senza ricordarmi neppure le basi del gioco, mi son più o meno difeso (una volta su 7 partite ho pure vinto). Andato via il cuginastro, mi son messo li a sfogliare le carte una per una, leggendone descrizione e rimanendo, come sempre, affascinato dalle illustrazioni.

Per me, Magic non è mai stato un gioco normale. Riunisce tutto ciò che mi fa impazzire: arte (gli illustratori sono fantastici, spesso artisti affermati), gioco, “mitologia fantastica” come la chiamavo io da ragazzino, combattimenti e strategie. Creava forti legami tra i giocatori, era un pretesto in più per incontrarsi con gli amici e passare i pomeriggi o le serate insieme.

Ebbene, giocando con mio cugino ho più volte pescato la carta “Giuntatore Viridiano”, una creatura non proprio temibilissima e apparentemente inutile, tanto che mio cugino me la spazzava via di continuo.

Ieri però…

…finisco il turno di difesa con solo 8 punti vita e con in campo una sola creatura artefatto e in mano il solo Demone Saccheggiatore, una carta pazzesca, ma dal costo elevatissimo (4+4mana neri). Pesco, e chi mi esce? Il Giuntatore Viridiano!!! So partite le imprecazioni visto l’1 in attacco della suddetta carta. Poi però…la scintilla…e lo metto in campo.

Il Giuntatore, se viene Tappato, aggiunge un mana verde alla tua riserva. Mi son fatto due conti al volo: 4 terre nere + 2 rosse + 1 verde + l’abilità del giuntatore = al prossimo turno mi entra in gioco il demone saccheggiatore, il quale ha la simpatica abilità di spazzare via dal terreno di gioco tutte le carte non artefatto e non nere che ci sono sul terreno.

Mi sono preso il danno diretto finendo a 4 punti vita, ho pescato, ho tappato il tappabile e via, entra il demone che mi lascia solo la mia creatura artefatto da 5 di attacco che riduce l’avversario a 1 punto vita. Ho vinto al turno seguente.

La morale in tutto questo, è che probabilmente un giocatore di quelli seri avrebbe intuito immediatamente l’importanza di giocare una carta apparentemente innocua, magari inserendola di proposito nella sua strategia. Ma un principiante, uno sbadato che si sente potente solo quando può schierare mostri che flagellano, spaccano, travolgono e incendiano, probabilmente avrebbe persino messo il Giuntatore nel side deck.

Credo che nella vita, così come nel gioco, dovremmo dare importanza a tutte le persone, non solo ai presunti potenti, perchè non sai mai quando il perdente di turno si rivelerà il miglior amico che tu possa desiderare…

Annunci

3 thoughts on “La lezione del Giuntatore Viridiano…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...