Fate entrare i clown [2]…

…perchè i miei tentativi di assomigliare a un giocoliere falliscono miseramento ogniquavolta io cerchi di far volare tre palline o di far girare un piatto cinese.

Sia ben chiaro: se fosse semplice saremmo tutti giocolieri.

Ho tuttavia scoperto di avere un dono: faccio ridere. Ogni volta che cerco di rimanere in equilibrio sul rullo (infernale cilindro simile a un barile sul quale dovremmo riuscire a camminare) compio indicibili ruzzoloni e sovrumane figuracce che producono un meraviglioso trionfo di risate.

Oggi si son fatti tre nuovi giochi, oltre agli esercizi con palline, piatti cinesi, rulli, rola-bola e foulard. Il primo è stato abbastanza divertente, una specie di acchiapparella per farci scaldare. Il secondo è stato invece un esercizio di ritmo e di coralità nel quale a mano a mano si formava un trenino dove tutti emettevano un verso o un suono differente.

Il terzo gioco è quello che mi ha divertito di più. La semplicità che di tanto in tanto si invoca nella vita di tutti i giorni, ma che viene sempre lasciata  da parte a favore delle complicazioni che tanto ci piacciono, qui diventa protagonista assoluta.

Dietro un telo multicolore sedevano accovacciati quattro “attori”, ciascuno con un bizzarro cappello in testa. Il maestro narrava una storia, piccole scene che ognuno degli attori dovevano mimare facendo facce più o meno buffe, assumendo espressioni raffiguranti talvolta dolore, talvolta rabbia o gioia.

Risate a non finire. Mi è tornato in mente il sommo Charlie Chaplin e quella sua capacità di divertire e commuovere senza tirar fuori una parola. Riuscire a trasmettere un emozione attraverso uno sguardo, un movimento della bocca o di un sopracciglio, essere in totale connessione con il pubblico attento al gesto e non distratto dalle parole. Totale verità del messaggio. E’ uno dei miei concetti assurdi che vuol dire una cosa del tipo: “messaggio senza infiltrazioni esterne, intrusioni che ne violino la purezza. Io e te, due sguardi, una connessione univoca che non ammette interpretazioni”.

E’ tardi, non mi dilungherò troppo su questa mia idea, sappiate però che continuerò a fare del mio meglio per aiutare il gruppo a metter su il nostro spettacolo circense!

Buonanotte…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...