Crema…

…è la città dei bar e delle pasticcerie. Ce ne sono una marea.

Crema è la città dei canali, degli alberi neri con le foglie color dell’oro, della nebbia d’argento e dei campi verde brillante.

Viaggio lungo, ma divertente.

Iniziato con un vecchietto che sotto casa mi ha cominciato a fare mille domande su come si aprisse la mia Micra, il piccolo mostro che mi fa 130 km con 10 euri di diesel. La raccolta di mp3 propone subito l’album di Melody Gardot. Capisco che sarà un bel viaggio.

Traffico praticamente inesistente, sole che splende, io che non stranamente non ho sonno. L’eccitazione è tanta. E’ la prima corsa seria dopo l’infortunio di Tokyo, mi son preparato bene, me la sento calla come si dice da queste parti.

Dopo venti km mi rendo conto di essermi dimenticato le scarpe per la corsa… tipico…

Torno indietro, recupero le mie Gel Cumulus gialle e nere e riparto dopo aver verificato che la testa fosse al suo posto e non sul comodino.

La strada scivola via che è una bellezza. Incrocio una marea di posti conosciuti: Talamone, Follonica, Castiglioncello, Livorno, Pisa…poi arriva il momento di passare l’Appennino e li inizio a fremere.

Perchè io sull’Appennino Emiliano ci ho passato non so quante estati della mia vita e con le Dolomiti sono le montagne su cui sono cresciuto tra una scarpinata e una battuta di pesca. Il Magra è sempre lì che scorre, un serpende di smeraldo che si muove sinuoso tra ciottoli talmente bianchi da sembrare fatti di sale. Per il mio ritorno, l’Appennino ha deciso di tirar fuori tutte le tonalità di verde, marrone e oro possibili…

Ora, io nella pianura padana sono sempre stato d’estate, quindi i vari discorsi e luoghi comuni sulla nebbia e tutto il resto li ho sempre considerati una esagerazione. Mi son dovuto ricredere. La nebbia, nella pianura padana, non è una leggenda metropolitana. Subito dopo Parma non ho visto più nulla… Tra me e me pensavo: “Vabbè dai, magari a Crema non c’è tutta sta nebbia…” Mi sbagliavo. L’illusoria e lieve foschia del primo pomeriggio s’è trasformata lentamente nella spessa e opprimente coltre che ha avvolto la città nelle ore successive fino al giorno dopo. Alle 19.30 c’erano due gradi e non si vedeva a venti metri di distanza. Sembrava di stare Whitechapel, ma senza lo Squartatore

...no ma la facesse ogni tanto un po' di nebbia...

Cose che ricorderò di Crema, della Maratonina e del weekend:

La nebbia. Non agli irti colli, ma nei campi, nella città, lungo la strada. Spettri che comparivano e scomparivano. O erano alberi e uomini?

Il caffè del Bar Strauss, vicino a piazza Garibaldi. Forse il migliore che io abbia mai bevuto.

Lo stand della Lega Nord. Mi sono avvicinato per scattargli una foto (che sai com’è, a Civita non è che se ne vedano tanti…) e il tizio mi ha allungato un volantino. Io non potevo perdere l’occasione e gli ho risposto: “Non penso sia il caso. Vengo da Roma Ladrona”. Il tizio mi ha risposto una frase in dialetto della quale ho capito solo chiul

Il bar del signor Chiacchieroni. Non so come si chiami realmente, l’ho ribattezzato così visto che non spiccicava una parola che fosse una e si esprimeva a monosillabi…

L’albero d’oro. Le cui foglie cadevano con la leggiadria di farfalle fatte di luce nel mezzo di un grigio e spettrale sabato di novembre.

Il tè (o the?) e i Loacker al cioccolato. Un bar della stazione che aveva un piccolo valore aggiunto, un qualcosa che lo ha reso unico e indimenticabile tra i bar della stazione. Ci mancava solo una mazza telescopica…

La corsa. Fantastica, dura, veloce, estenuante. I crampi degli ultimi tre chilometri, io che al 15esimo chilometro mi rendo conto di averne, e di averne eccome…

Il succo di frutta alla pesca e il panino e nutella del dopo gara. Meritato pasto dopo aver messo il…

…record: 1h 52′ 10″ il cronometro ufficiale. Mio nuovo record personale. Weekend straordinario…

New Personal Best!! 1h 52' 10"

La cordialità della gente. Tutti molto gentili. Un’aria familiare, da posto che conosci da sempre. Non è una cosa che trovi dappertutto…

Per concludere, un trivia per voi. Considerato che…

…qualcuno sa dirmi come si chiama, ora, questo palazzo? E’ la domanda che mi ha accompagnato per tutto il weekend XD

Annunci

9 thoughts on “Crema…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...